Storia

Una storia che si rinnova minuto dopo minuto.

Nel 1842 Raimondo Gobbi, appassionato di orologeria, aprì a Modena, sotto il Portico del Collegio San Carlo, la sua bottega. L’attività veniva svolta con competenza ed impegno tali che già dieci anni dopo, nel 1852, il Gran Duca gli concesse di fregiarsi della qualifica di “Orologiaro della Real Corte”. All’epoca il commercio e l’assistenza riguardavano pezzi da tasca e pendoleria.
Il figlio minore, Giuseppe, contribuì con le sue competenze tecniche allo sviluppo dell’azienda e nel 1896 si trasferì a Milano, aprendo una sua bottega sul Corso Vittorio Emanuele II.
La nipote Adriana sposò Luigi Pozzolini, di origine toscana, intraprendente rappresentante di marche orologiaie, che subentrò nella direzione.
I pronipoti Aldo e Gastone si impegnarono in azienda fin dai primi anni ‘30, portando il negozio a primeggiare in Italia nel commercio di orologeria svizzera fine ed aggiungendo successivamente l’oreficeria e la gioielleria. La sede iniziale venne distrutta durante l’ultima guerra. Il 4 settembre 1949 si inaugurò l’attuale negozio, che ancora oggi gode degli arredi originali dell’epoca.
Al piano superiore è inoltre presente un attrezzato laboratorio di assistenza. Attualmente l’azienda è gestita da Luca Pozzolini Gobbi, figlio di Gastone, e da sua figlia Serena. Con più di 170 anni di storia, la Ditta GOBBI può oggi affermare con orgoglio di servire da sei generazioni le famiglie dei propri clienti, rimanendo sempre fedele al principio di non sacrificare mai la qualità per i successi effimeri e assicurando sempre la massima serietà e competenza, nella convinzione che dietro a un orologio di pregio non ci siano solo dei meccanismi perfetti, ma anche un servizio altrettanto preciso e puntuale.