Gobbi Mag

Gobbi Creating Memories | Federico Strocchi

Descriviti con tre parole?
Passionale, equilibrato, curioso.

In che modo ti esprimi attraverso il tuo look?
Sul lavoro il mio look è un misto tra classico ed elegante. Mi piace abbinare un certo stile di abiti e cravatte, di cui sono un grande appassionato. I miei abiti sono confezionati dal mio sarto di fiducia, il quale mi da la possibilità di scegliere il taglio, i tessuti e colori più adatti alle esigenze e alle stagioni. Nel privato scelgo un abbigliamento meno convenzionale, più dandy, abbinando giacche con pantaloni spezzati, rimanendo sempre sul classico.

Come abbini l’orologio a un outfit quotidiano? E per un’occasione speciale?
Ci può essere l’orologio da occasione e quello che ti accompagna quotidianamente, che entra a fare parte della tua vita. Certamente mi affeziono a questo oggetto, visto da molti come uno status symbol del tempo contemporaneo. Credo invece che questi segnatempo tanto preziosi portino in se ricordi ed emozioni importanti, momenti unici, capaci di andare oltre al valore puramente economico dell’oggetto.

La spirale è simbolo del ciclo della vita, di espansione e sviluppo: quale traguardo importante hai raggiunto ultimamente?
A livello imprenditoriale abbiamo iniziato un’importante storia vent’anni fa, con un’impresa creata da mio padre e poi portata avanti insieme. Una storia famigliare, che ha raggiunto grandi traguardi sul mercato nazionale e internazionale, con prospettive ancora più interessanti per il futuro. Tra le spirali della mia vita c’è sicuramente anche la vela, che mi ha accompagnato per tanti anni permettendomi di girare il mondo come membro del team della nazionale italiana. Sicuramente una grande spirale di crescita ed esperienza.

A chi regaleresti un gioiello della collezione Fairytale?
A mia moglie, intendendo l’oggetto della spirale come segno di un percorso di vita comune, da condividere verso l’infinito ed oltre.

In che modo Gobbi ha aiutato a creare un momento indimenticabile?
La maison Gobbi è stata presente in diverse occasioni, l’ultima è stato il Natale quando ho ricevuto un orologio come regalo da mia moglie. Oggetto che è diventato parte quotidiana della mia vita, riportandomi nei pensieri con entusiasmo e allegria un particolare momento storico indimenticabile.

Milano in una location speciale?
Mi piace passeggiare tra le vie di Brera intorno a casa mia, dove la metropoli si mostra ancora dal suo lato più umano, fatto da piccole boutique e botteghe. La mia grande passione per l’arte contemporanea, mi porta spesso e volentieri a visitare le gallerie della mia città d’adozione oppure ad immergermi nelle numerosi attività culturali e artistiche del calendario. Rimane il fatto che il lato migliore di Milano oltre al lato lavorativo ed opportunistico per me è rappresentato dalla posizione geografica strategica , le possibilità di evasione verso montagne, laghi e mari sono innumerevoli.

Milano di mattina, pomeriggio o sera?
Durante la settimana la sera, nel weekend di mattina presto. Sono i momenti in cui la città è più visibile ed il suo ordinato caos quotidiano sospeso … ti svela tutte le sue bellezze architettoniche e stilistiche che hanno caratterizzato secoli di storia.