Gobbi Mag

Gobbi Creating Memories | Gianluca Reina

Descriviti con tre parole?
Curioso, determinato, nevrastenico.

In che modo ti esprimi attraverso il tuo look?
Il mio look rispecchia uno stato d’animo preciso: posso essere estremamente formale, sportivo oppure giocare con colori e tessuti di alta qualità. Alla mattina mi dedico con cura alla scelta dell’outfit da indossare durante la giornata: il mio look è sempre ricercato e mai lasciato al caso.

Come abbini l’orologio a un outfit quotidiano? E per un’occasione speciale?
Mi piacerebbe poter cambiare orologio a seconda dell’outfit, ma purtroppo il periodo storico in cui ci troviamo non me lo permette. Mi piacerebbe vivere in un modo ideale senza pericoli appena esci di casa e sguardi invidiosi a ogni angolo. Nel quotidiano mi adatto cambiando orologio ogni mese. Per un’occasione speciale scelgo il Rolex Ovetto anni ’40, ereditato da mio padre. Un orologio particolare, chiamato anche Rolex Bubbleback, che sta all’origine dell’Oyster Perpetual. Un ricordo unico, che mi è molto caro.

La spirale è simbolo del ciclo della vita, di espansione e sviluppo: quale traguardo importante hai raggiunto ultimamente?
Il mio ultimate Milestone è sicuramente quello di vedere Cabana Magazine, di cui sono managing director e publisher, in vetrina da Ralph Lauren sulla Madison a NY. Per me rappresenta da sempre il negozio più iconico, un sogno a occhi aperti che andavo a visitare per prima cosa, non appena arrivavo in città. Ralph Lauren è l’icona del design e vedere l’ottava edizione vestita con i tessuti del brand in quella vetrina è stata la realizzazione di un sogno.

A chi regaleresti un gioiello della collezione Fairytale?
Alla mia fidanzata Agnė: una ragazza giovane, internazionale ed elegante, perfettamente in linea con il DNA della marca.

In che modo Gobbi ha aiutato a creare un momento indimenticabile?
Serena Gobbi mi ha consigliato meticolosamente nella scelta di un orologio importante da fare trovare sotto l’albero alla mia fidanzata. Ho deciso di fare riportare la nostra frase sull’oggetto e il servizio è stato fornito in maniera velocissima e impeccabile.

Milano in una location speciale?
Mi viene subito in mente il The Yard, del mio amico Alessandro Cesario: un hotel internazionale in una posizione inaspettata, con ristornate e cocktail bar davvero unici.

Milano di mattina, pomeriggio o sera?
La Milano perfetta per me va vissuta di domenica mattina, come cantava Fabio Concato in Domenica Bestiale:
Sapessi amore mio come mi piace
partire quando Milano
dorme ancora
vederla sonnecchiare
e accorgermi che è bella
prima che cominci a
correre e urlare.